Automotive

Enjoy, nuovo “black out” del car sharing Eni: servizio noleggio interrotto

Il servizio di noleggio a tempo di Eni out per 9 ore

enjoy10.jpg

Enjoy, il servizio car sharing di Eni nuovamente ko: impossibile noleggiare auto dalle 22 del 30 giugno alle 7 del 1 luglio.

Il servizio non sarà disponibile a causa di un importante aggiornamento del sistema operativo.I noleggi in corso, dovranno essere terminati entro le 22 di domenica 30 luglio in modo tale da non correre nessun tipo di probelma. Enjoy sarà di nuovo disponibile a partire dalle ore 07.00 del 1 luglio 2019.

Alla riattivazione del servizio, Eni invita i clienti a scaricare la nuova App Enjoy che verrà resa negli store digitali.


Locauto Rent e FC Internazionale Milano rinnovano la loro Partnership fino al 2022!

La collaborazione di successo tra le due aziende proseguirà per altri tre anni


Milano, 29 giugno 2019 – Locauto Rent, società italiana leader del noleggio auto, ha appena siglato l’accordo che vede rinnovata la partnership con FC Internazionale Milano fino al 2022.

Due realtà unite da valori e caratteristiche comuni, come la volontà di affermarsi ai più alti livelli, che ha portato a una crescita costante nei risultati. Ma anche la cura dei dettagli, il rispetto verso il proprio cliente/tifoso, la voglia di proporsi come realtà innovative e la visione per il futuro.

L’Azienda, fermamente convinta dal progetto Inter, ha dunque siglato un upgrade della partnership con l’assegnazione della qualifica di Premium Partner, che permette di contare su ulteriori assets rispetto a quelli già previsti nel primo triennio. Tra le più importanti novità, la possibilità di essere Match Sponsor per una partita di campionato e l’utilizzo di un Brand Ambassador selezionato tra i calciatori dell’Inter.

“Questo rinnovo rappresenta per noi un chiaro segnale di intesa con il Club nerazzurro – ha dichiarato Raffaella Tavazza, Vice Presidente di Locauto Rent – non solo perché va a consolidare la forte sinergia creatasi nelle scorse stagioni con una delle società calcistiche più importanti al mondo, ma anche perché pone i presupposti per l’affermazione di Locauto Rent come punto di riferimento importante per la mobilità dei tifosi e del club nerazzurro, con tariffe e sconti dedicati e come leader nella mobilità a 360°.

“Stiamo già lavorando su alcuni progetti comuni - prosegue Tavazza - che, già a partire dalla prossima stagione, renderanno l’esperienza di noleggio per il tifoso sempre più unica e innovativa, per trasformare il servizio dell’autonoleggio in un’emozione da vivere a tutto tondo”.

LOCAUTO

Ufficio Stampa - Sergio Cerini

Cell. [+39] 335 6951224 ufficiostampa@locautorent.com


Cos’è immediapress (link: http://corporate.adnkronos.com/02.php#Immediapress)

Disclaimer Immediapress (link: https://www.adnkronos.com/zoom/footer_disclaimer#immediapress)


Fonte: Adn Kronos

Con 2share il noleggio condiviso secondo Volkswagen

La formula prevede metà costi per un affitto a lungo termine. Disponibili Up!, T-Cross e T-Roc

Maurizio Bertera

T-Cross_DB2019AU00232-koEB-U340406737963co-528x329@Gazzetta-Web_528x329.jpeg

La T-Cross è tra i modelli disponibili per il servizio 2share

L’ispirazione è sicuramente legata a piattaforme come Spotify o Netflix dove è sempre più diffusa la condivisione a un abbonamento e non viene impedita, anzi. Volkswagen ha deciso di testare il sistema nell’automotive e ha lanciato 2share, un programma di condivisione sul noleggio a lungo termine. In pratica, viene proposto a due utenti di pagare metà per uno la rata mensile, senza alcun anticipo. Una soluzione applicabile sui modelli più popolari della Casa di Wolfsburg, come Up! che parte da 5 euro al giorno, Polo da 6 euro al giorno, T-Cross da 7 euro, o T-Roc da 8 euro. Tariffe da intendersi a persona. La formula 2share può essere applicata a tutti i motori e allestimenti dei quattro modelli.

La formula si presta benissimo a quanti desiderano avere un’auto a disposizione ma allo stesso tempo sanno che ne faranno un uso limitato: la condivisione è studiata per un tempo di 24 o 48 mesi e una percorrenza di 10.000 km annui per la Up!, mentre gli altri tre modelli arrivano a 20.000 km. Nel contratto di noleggio a lungo termine sono inclusi servizi come la copertura assicurativa Rca, la copertura danni e furto e incendio, il bollo, la messa su strada, la manutenzione ordinaria e straordinaria nella rete ufficiale della Casa, l’antifurto satellitare, il soccorso stradale, il traino del veicolo (in qualsiasi giorno e a qualunque orario) in Italia ed Europa, nonché una polizza assicurativa integrata a tutela del conducente.


Massimiliano Di Silvestre è il nuovo Presidente di BMW Italia

di Simone Viscardi

Massimiliano Di Silvestre subentra a Sergio Solero come nuovo Presidente e Amministratore Delegato di BMW Italia. Laureato in Economia e Commercio all'Università degli Studi di Bologna, Di Silvestre è all'interno del gruppo automobilistico tedesco fin dal 2001.

Massimiliano Di Silvestre è il nuovo Presidente e Amministratore Delegato di BMW Italia. Assumerà l’incarico a partire dal 1° agosto, subentrando nel ruolo a Sergio Solero, il quale a sua volta diventerà Vice President Marketing, Product and Services della divisione Aftersales di BMW AG.

massimiliano-di-silvestre-nuovo-presidente-bmw-italia.jpg

CHI È MASSIMILIANO DI SILVESTRE, NUOVO PRESIDENTE BMW ITALIA

Massimiliano Di Silvestre fa parte del Gruppo BMW fin dal 2001, e fatta eccezione per un periodo di 3 anni dal 2009 al 2012 ha sempre sviluppato la propria carriera lavorativa all’interno del brand automobilistico tedesco.

Leggi Anche: Stefan Hofer è il nuovo AD di BMW Italia

Ecco alcuni degli incarichi da lui ricoperti in questa esperienza ultra decennale:

  • Regional Director della divisione vendite di BMW Italia

  • Amministratore Delegato di BMW Roma

  • Country Manager di Rolls-Royce Motor Cars

  • Managing Director di BMW Group Hungary

Sposato e padre di due figli, Massimiliano Di Silvestre è laureato in Economia e Commercio presso l’Università degli Studi di Bologna.

IL SALUTO DI JEAN PHILIPPE PARAIN

Massimiliano Di Silvestre è stato accolto nel suo nuovo ruolo dalle parole di Jean Philippe Parain, Senior Vice President Region Europe BMW AG, il quale ha anche colto l’occasione per ringraziare Solero per il suo operato in questi anni:

“La nomina di Massimiliano Di Silvestre alla guida di BMW Italia S.p.A. e l’incarico assegnato a Sergio Solero presso la Casa Madre testimoniano ancora una volta il processo di crescita del management italiano all’interno del BMW Group e sono un riconoscimento al lavoro fatto in questi anni dalla filiale italiana di BMW AG. Per questo motivo vorrei ringraziare Sergio Solero per gli importanti risultati raggiunti alla guida del team di BMW Italia e augurare ‘in bocca al lupo’ a Massimiliano Di Silvestre per la nuova sfida”.
Jean Philippe Parain, Senior Vice President Region Europe BMW AG


Big data e 5G saranno la chiave per il controllo in tempo reale

iot_mobility_services (1)-kZuC--835x437@IlSole24Ore-Web.jpg

nalisi dello stile di guida, consumo carburante e manutenzione predittiva. Oggi la telematica a bordo è diventata un prezioso alleato per i fleet manager delle grandi aziende ma anche per i parchi auto delle piccole imprese. La progressiva diffusione delle scatole nere, sempre più spesso installate dai produttori o dalle società di noleggio a lungo termine, sta contribuendo alla creazione di “big data” provenienti dai veicoli. Dati che, se analizzati correttamente e preventivamente, permettono di migliorare i servizi e creare soluzioni su misura di un parco auto o di un driver.

Al di là delle diverse tecnologie a bordo, però, la vera rivoluzione è la connettività che con il 5G o con il WiFi - se la Ue sceglierà, come sembra orientata, questa tecnologia di rete - porterà a un incremento dei servizi digitali per l’automotive, soprattutto nel mondo aziendale. Già oggi i numeri sono importanti: secondo una ricerca di Bain & Company e commissionata da Aniasa, l’associazione confindustriale dei servizi di mobilità, il mondo legato all’auto connessa vale oggi più di 60 miliardi di euro a livello globale. In previsione poi, spiega la ricerca, c’è una crescita a tripla cifra (+260%) nei prossimi otto anni. Già i dispositivi attuali permettono di scambiare dati diversi sui guidatori (stile di guida, percorsi preferiti, punti di interesse), sul veicolo (pressione pneumatici, stato del motore, livello olio), fino a quelli ambientali (pioggia, traffico).

La sempre maggiore condivisione di questi dati grazie alle auto connesse può portare benefici non solo a chi guida, ma, anche ai gestori di flotte aziendali. Le soluzioni sul campo sono già numerose e presenti da anni, ma i miglioramenti sono continui. Come nel caso del recente aggiornamento della piattaforma LoJack Connect di LoJack che, oltre al classico sistema di monitoraggio dei consumi e dello stile di guida, ha aggiunto la funzione “geofence”, grazie alla quale il gestore della flotta potrà ricevere messaggi d’allarme quando il veicolo entrerà in zone ritenute a rischio oppure varcherà i confini nazionali o, ancora, quando un tecnico alla guida di un furgone sarà giunto sul luogo dove è atteso per una riparazione.

A questo si aggiunge CrashBoxx, un nuovo strumento che segnala il crash in tempo reale, offrendo la ricostruzione della dinamica e la stima economica del danno subito dal veicolo. Anche l’acquisizione di TomTom Telematics da parte di Bridgestone dovrebbe dare uno sprint all’innovazione legata ai pneumatici e alla gestione dei big data derivanti dall’attrito con l’asfalto. Sempre TomTom lavora da tempo anche per la sicurezza delle flotte commerciali, mettendo a disposizione mappe specifiche che tengono conto dei divieti imposti ai mezzi pesanti. Inoltre, attraverso il back-end di gestione vengono erogate funzionalità dedicate alla comunicazione con gli autisti, alla spedizione delle bolle di accompagnamento o al tracking delle merci. In questo ambito, soprattutto quando si parla di flotte commerciali, l’Internet delle Cose diventerà elemento chiave per la sicurezza e per l’abilitazione della guida autonoma.

Anche le case auto hanno iniziato a lavorare per equipaggiare i veicoli creando soluzioni proprietarie, come ha fatto per esempio Ford con l’app Pass Pro e Telematics, una piattaforma che fornisce ai fleet manager un controllo completo e informazioni per gestire la flotta ottimizzando costi e prestazioni.